Benvenuti!

Ciao a tutti, e benvenuti sul blog del Ristorante Il Principe!

Useremo questo primo articolo per raccontarvi unicamente chi siamo e quali sono i nostri progetti e i nostri obbiettivi..

Siamo il Ristorante Il Principe, un locale situato nella piccola ma affollata cittadina di Bra, in provincia di Cuneo.

Abbiamo la fortuna di trovarci di fronte alla più bella area verde della città: un enorme parco completo di panche, aree picnic e giochi per i più piccoli circondato da una pista ciclabile dove sgranchire le gambe dopo un buon pasto.

Abbiamo aperto le nostre porte all’incirca dieci anni fa, con una gestione che purtroppo ha messo in cattiva luce tutti i nostri pregi e non è mai riuscita a valorizzare le nostre capacità.

Nel 2013 i proprietari della struttura, la fam. Montà, hanno preso in mano le redini della situazione, le chiavi del nostro Ristorante, e hanno rivoluzionato completamente lo Staff (le presentazioni  ufficiali nel prossimo articolo!).

Con questo blog abbiamo un solo obbiettivo..

Non limitarci ad essere il classico Ristorante di città, con il solo scopo di soddisfare la clientela offrendole del buon cibo..

 Noi vogliamo entrare in diretto contatto con Voi..

Vogliamo sapere i vostri gusti, i vostri sogni, le vostre preferenze..

e vogliamo dare il nostro contributo per creare degli ottimi piatti per la vostra famiglia..

 Ce la faremo!

Principe logo

Loading… Capodanno 2O16

30/12/2015

E’ ora di tirare giù i conti..

150 persone hanno dato la conferma a partecipare al nostro Capodanno!

e devono per forza iniziare i preparativi:

√ organizzazione Staff

√ organizzazione sale

√ festoni, palloncini e trombette

√ Live Music

√  spesa

Sono andata a sbirciare in Cucina e ho fatto un paio di foto..

non ditelo a nessuno!

Questo slideshow richiede JavaScript.

ONNIVORI vs VEGETARIANI: i due mondi a confronto

Prima di scoprire quale delle due sia la sponda “migliore”, facciamo una piccola divisione nell’ampio mare dei vegetariani:

  • Vegetariani      mangiano verdure e respingono la carne, per motivi etici o no, ma ne                          mangiano i derivati: uova, latte, formaggio,.. (www.vegetariani.it)
  • Vegani              respingono anche i derivati di origine animale, quindi niente uova,                              latte, formaggi, yogurt etc…
  • Fruttariani       mangiano solo frutta (www.fruttariani.it) – (lo sapevi che Steve Jobs                              era fruttariano?)

16 MOTIVI PER ESSERE VEGETARIANO

1. perchè gli animali non sono cose da mangiare, ma esseri viventi con la nostra stessa capacità di soffrire, di amare la vita e di avere terrore della morte.

2. perchè la carne non è un alimento adatto all’essere umano, strutturato invece per nutrirsi di frutta, semi e vegetali come i primati alla cui specie apparteniamo. (Se l’uomo fosse un animale onnivoro avrebbe gli attributi adatti ad inseguire e dilaniare la preda, oltre che l’apparato digerente tipico degli animali che mangiano la carne).

3. perchè la carne, alimento cadaverico, contiene putrescina, istamina, ammoniaca, oltre ai molti medicinali somministrati agli animali come il cortisone, che entrano nel metabolismo di chi mangia la carne causando un gran numero di malattie anche tumorali.

4. perchè la carne, elemento estraneo per il nostro organismo, abbassa le difese immunitarie lasciandoci inermi di fronte a qualsiasi infezione batterica o virale.

5. perchè un’alimentazione sbagliata abbrevia la vita di un individuo (se l’essere umano si alimentasse secondo la sua natura, vivrebbe 7 volte il tempo del suo sviluppo, cioè circa 130 anni, età raggiunta solo dalle popolazioni vegetariane).

6. perchè gli allevamenti intensivi inquinano il suolo, le falde acquifere, l’aria, oltre ad essere causa principale di disboscamento.

7. perchè i campi di concentramento e di sterminio non possono essere condannati e maledetti solo se le vittime sono esseri umani e giustificati e benedetti se invece i condannati sono gli animali.

8. perchè la carne scatena nell’uomo l’istinto dell’aggressività e della violenza, della sopraffazione del più debole, oltre l’angoscia, l’inquietudine, l’instabilità psichica.

9. perchè mangiare carne è un’azione crudele: allo stesso modo di una razza che sentendosi superiore allevasse noi e i nostri figli a scopo alimentare.

10. perchè l’alimentazione carnea incide in modo più pesante e dispendioso sulle finanze individuali, familiari e collettive.

11. perchè solo con l’alimentazione vegetariana è possibile sfamare tutta la popolazione mondiale e scongiurare tensioni internazionali che nascono da gravi crisi alimentari.

12. perchè gli animali più forti, più resistenti alle fatiche, più longevi, più prolifici, più miti, sono vegetariani: l’elefante, il toro, il rinoceronte, il bufalo, il cavallo, il bue, ecc..

13. perchè l’alimentazione vegetariana dispone l’essere umano alla mitezza, alla serenità, alla conciliazione, alla tolleranza, al benessere psicofisico, quindi alla pace.

14. perchè con l’alimentazione vegetariana l’uomo ritorna al piano originale di Dio.

15. perchè l’indifferenza verso il dolore degli animali  abitua l’uomo a convivere con l’idea della violenza e della sopraffazione del più debole rendendolo insensibile e crudele anche nei confronti del suo stesso simile. (Se fossi tu ad essere torturato o mutilato da qualcuno?)

16. perchè se si accetta come regola di vita la legge del pesce grosso che mangia quello più piccolo allora occorre anche accettare il sopruso dei prepotenti, le ingiustizie dei disonesti, la violenza dei criminali, l’oppressione degli invasori,..


10 MOTIVI PER MANGIARE LA CARNE

Quando si parla di carne occorre fare una distinzione tra la carne rossa e quella bianca, sia per un fattore nutrizionale sia per quanto riguarda un possibile rischio per la salute dell’uomo. La carne bianca (proveniente da animali giovani come tacchino, coniglio, pollo, agnello, capretto) rappresenta una ricca fonte di proteine e un basso contenuto calorico.

La carne è un alimento molto importante anche per il suo contenuto in vitamine del gruppo B e ferro, nettamente superiore a quello contenuto negli alimenti di origine vegetale. Per questo motivo la carne è un alimento ideale, grazie anche al suo contenuto proteico, a ragazzi, sportivi, ma anche a chi soffre di anemia, e per le donne in gravidanza.

Anche i grassi, se assunti in maniera intelligente, sono un elemento indispensabile per l’organismo. Si distinguono in saturi, monoinsaturi e polinsaturi e forniscono dei nutrienti essenziali come le vitamine liposolubili e gli acidi grassi. Per quanto riguarda questa categoria di nutrienti non è la quantità che si assume con la dieta importante per il corpo ma la qualità dei grassi. Vi sono carni che contengono una minima quantità di questi ultimi e magari una percentuale proteica maggiore, mentre altre ne contengono molto di più e quindi caratterizzate da un contenuto calorico superiore.

Quindi concludendo la carne è sicuramente un alimento insostituibile in un’alimentazione equilibrata e controllata, per tutta una serie di motivi:

  • ottimo apporto di proteine e aminoacidi;
  • favorisce la sintesi di ormoni;
  • favorisce la sintesi di enzimi e migliora le reazioni metaboliche;
  • effetti positivi sui tessuti, in particolar modo quello muscolare;
  • fonte importante di vitamine del gruppo B (soprattutto B12);
  • fonte importante di ferro, zinco e rame;
  • ossigenazione dei tessuti e importante arma contro l’anemia;
  • fonte di energia grazie ai grassi in essa contenuti;
  • alto indice di sazietà in quanto ricca di proteine;
  • aiuta la crescita, il mantenimento e la riparazione del nostro corpo.

E voi, da che parte state?

vegetariani-vs-carnivori

Mangiare carne e pesce: SI o NO?

Perché mangiamo animali? Per gusto o per necessità? C’è CHI CREDE CHE FACCIA MALE E CHI PENSA SIA L’UNICA FONTE VALIDA DI PROTEINE

Uno studio ha indagato il legame tra il consumo di carne e la mortalità per malattie cardiovascolari e cancro. Si colloca all’interno di Epic, un progetto attivo già da qualche anno in Europa, il cui obiettivo è ricercare le correlazioni tra l’alimentazione (in particolare consumo di carne), lo stile di vita e il rischio di patologie cardiovascolari e oncologiche.

Ci spiega meglio la Dott.sa Daniela Lucini, professore associato all’Università degli Studi di Milano e Responsabile della Sezione di Medicina dell’esercizio e patologie funzionali in Humanitas.

Professoressa Lucini, che cosa emerge da questo studio?

«Occorre in primo luogo sottolineare che non abbiamo dati che mostrino come un’alimentazione priva di carne abbia un reale beneficio sulla salute. Il giusto consumo e un sano stile di vita però riducono il rischio cardiovascolare e oncologico. Non è tanto il consumo o meno di carne a fare la differenza, quanto un adeguato consumo inserito in uno stile di vita virtuoso che comprenda regolare attività fisica, peso nella norma e astinenza dal fumo. Sarebbe opportuno dunque non esagerare con la carne ma nemmeno privarsene, la sua totale assenza nella dieta implica una riduzione di apporto di ferro e di alcuni nutrienti importanti».

Come vanno considerati i salumi?

«Si è osservato un rischio oncologico in seguito a un abuso di salumi (160-200 g al giorno), a causa dei grassi contenuti in essi, ma anche nelle sostanze e nei conservanti utilizzati e nei processi di salatura o affumicatura. Ancora una volta, oltre alla quantità è importante la qualità di ciò che si mangia. Bisogna saper scegliere, tenendo conto, oltre che del prezzo, anche di altri fattori».

Quale e quanta carne consumare?

«La carne contiene proteine ma anche grassi, colesterolo, il cui contenuto varia a seconda del tipo di carne e del taglio scelto. L’ideale sarebbe mangiare carni magre, bianche o pesce e il quantitativo settimanale varia a seconda dell’età, del sesso, dell’accrescimento, dei livelli di attività fisica svolti, ecc. Le carni da preferire sono quelle di pollo, tacchino, manzo, vitello. Un ruolo fondamentale nell’apporto proteico spetta al pesce, ancora poco presente sulle nostre tavole e che invece andrebbe consumato anche tutti i giorni».

www.humanitasalute.it

 

Ci presentiamo…

DI SOMMA MARCO

MAITRE

Nome: Marco

Cognome: Di Somma

Data di nascita: 08/12/1975

Luogo: Napoli

Mi presento, sono Marco Di Somma, maitre del Ristorante Il Principe di Bra.

Lavoro in questa struttura da ben 7 anni, durante i quali ho imparato tantissime cose e sono maturato a livello professionale e soprattutto personale.

Amo stare a contatto con i nostri Clienti, che arrivano da ogni parte del Mondo, confrontarmi con loro e far in modo che amino come me il Vino e tutte le sue sfumature.

Mi ritengo un professionista in grado di valutare con certezza la tipologia, la qualità e le caratteristiche del vino. Mi occupo della selezione dei prodotti, dell’inventario, consiglio ai clienti il giusto vino da abbinare al loro menù ma ritengo sempre prevalente la loro idea.

Cosa penso? Penso che in un Ristorante, oltre ad un buon cibo, le persone debbano trovare leggerezza, armonia e tranquillità. Il mio compito è proprio questo: far sentire le persone a casa propria.

Spero di potervi conoscere al più presto.

Con Affetto.

Marco di Somma

Sommelier

Tante curiosità

LA SALSICCIA DI BRA
Una delle più pregiate e singolari produzioni di salsiccia piemontesi è quella di Bra, preparata con carni magre di bovino e grasso suino.
salsiccia_bra2
LA STORIA 
A Cherasco, un comune a pochi km da Bra, un tempo esisteva una comunità ebraica che si approvvigionava presso il mercato braidese bandendo assolutamente la carne suina.
A seguito dello Statuto Albertino, questa tradizione venne ufficializzata e i macellai di Bra furono “obbligati” ad utilizzare unicamente carne bovina nella preparazione della salsiccia fresca.

La salciccia di Bra (in piemontese sautissa ëd Bra) è un insaccato oggigiorno riconosciuto come Prodotto Agroalimentare Tradizionali (ai sensi dell’art. 8 del D lgs. 30 aprile 1998, n° 173 e D.M. n° 350 del 8 settembre 1999).

Nella tradizione locale la Salsiccia di Bra vanta un posto particolare rispetto agli altri salumi: il prodotto non avendo bisogno di stagionatura viene consumato fresco e tutto l’anno.
Il suo consumo era, ma lo è tuttora, molto diffuso nella cultura alimentare non solo provinciale ma anche regionale.

http://www.salsicciadibra.it/page.aspx?menu_id=27